PrimatoNazionale

Chiamò “negra” la Kyenge. Assolto il vicesindaco di Civitanova Marche

Il Primato Nazionale mensile in edicola

Macerata, 19 lug – “Negra” in Italia non ha l’accezione negativa che il termine ha nei Paesi anglosassoni: è stato assolto il vicesindaco di Civitanova Marche (in provincia di Macerata) Fausto Troiani che aveva così definito l’esponente del Pd Cécile Kyenge Kashetu. L’ex ministro per l’integrazione del governo Letta aveva trascinato Troiani in tribunale con un procedimento penale per direttissima, ma i giudici non le hanno dato ragione. Il tribunale di Macerata, per la precisione il collegio presieduto dal giudice Daniela Bellesi, ha accolto le obiezioni sollevate dal legale del vicesindaco di Civitanova Marche assolvendolo dalle accuse a lui rivolte. Il termine per la deposizione delle motivazioni della sentenza è ora di novanta giorni.

Tutto era nato da un commento su Facebook

Tutto era nato da un commento su Facebook di Troiani, alla fine di un intervento in cui veniva condiviso un articolo sulla Kyenge. “Rimane negra“, si leggeva nel post in questione, con riferimento esplicito all’ex europarlamentare di origini congolesi (non rieletta alle ultime europee). La Kyenge aveva sporto denuncia alla procura della Repubblica di Macerata. Procura che aveva dato avvio ad un procedimento per direttissima per Troiani, accusato di diffamazione con l’aggravante dei motivi di odio razziale. Ma, nonostante la richiesta da parte della procura della Repubblica di Macerata di una condanna a sette mesi di reclusione, il tribunale ha assolto il vicesindaco.

Accolta la linea difensiva: “negra” non ha un’accezione negativa

L’avvocato Gian Luigi Boschi infatti è riuscito a far passare la sua linea difensiva. Innanzitutto che non sussistono prove certe ed incontrovertibili del fatto che il commento fosse partito da un account di Facebook attribuibile senza dubbio alcuno al suo cliente. Ma soprattutto che il termine “negra” non può essere interpretato con un’accezione negativa, come invece accade nei Paesi di lingua anglosassone. Tutti elementi che hanno convinto il tribunale di Macerata ad assolvere Troiani. D’altronde sul dizionario alla voce “negro” troviamo: “In antropologia fisica, appartenente alle etnie (sudanese, nilotica, cafra, silvestre, batua, andamanese, aetide), viventi per lo più in Africa e in poche regioni dell’Asia, comprese nel ceppo negride”.

Ludovica Colli

Vai sul sito de IlPrimatoNazionale

Articoli Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button