PrimatoNazionale

Coronavirus, oggi 306 nuovi positivi. Il problema dei casi di importazione

Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 23 lug – I dati sul coronavirus in Italia, forniti oggi dalla Protezione Civile, evidenziano un lieve aumento dei nuovi positivi rispetto alla giornata di ieri. Oggi infatti i casi rilevati sono stati 306, ieri erano stati 282. Le vittime delle ultime 24 ore sono invece 10, ieri erano state 9. In totale dall’inizio dell’epidemia in Italia sono morte 35.092 persone. Per quanto riguarda i malati, ovvero gli attualmente positivi, si registra un incremento: in totale sono 12.404 (+82 rispetto a ieri). Oggi sono poi guarite altre 214 persone. Dopo aver contratto il coronavirus in Italia sono guarite in tutto 197.842 persone. Diminuiscono i ricoverati con sintomi, che oggi sono in totale 11.642: -11 rispetto a ieri. Viceversa in terapia intensiva oggi c’è una persona in più rispetto a ieri: 49 in totale. In totale sono nove le regioni senza pazienti ricoverati in terapia intensiva.

Il problema dei casi di importazione

Per quanto riguarda l’incremento odierno dei contagi va detto che nelle ultime 24 ore sono stati effettuati più tamponi rispetto a ieri: 60.311. Un netto aumento, visto che ieri ne erano stati fatti 49.318. C’è poi la questione, decisamente rilevante e poco rassicurante, dei casi di importazione. Come abbiamo sottolineato ieri su questo giornale, molti dei nuovi positivi sono immigrati e stranieri rientrati in Italia dai Paesi di origine. Prova ne è che anche oggi, a titolo esemplificativo, a Roma sono risultate positive due badanti di ritorno dalla Romania in autobus. Non solo, come specificato dall’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato: “Oggi, complessivamente registriamo un dato di 26 casi e un decesso. Di questi dodici sono casi di importazione: quattro casi di nazionalità del Bangladesh, quattro da India, due casi da Romania, un caso da Lituania e un caso da Marocco”.

Non dissimile la situazione in Puglia, che oggi ha registrato 9 contagi. “L’attenta e puntuale attività di sorveglianza – ha spiegato Pierluigi Lopalco, responsabile del coordinamento epidemiologico della Regione – ha consentito di individuare nuovi casi positivi che riguardano principalmente cittadini stranieri o provenienti da fuori regione in arrivo in Puglia, sottoposti a screening sia per la provenienza che per i contatti stretti con altri casi”.

Coronavirus, Italia

Alessandro Della Guglia

Vai sul sito de IlPrimatoNazionale

Tags

Articoli Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close