PrimatoNazionale

Degrado totale a Milano, africano seminudo si lava alla Stazione centrale (Video)

Il Primato Nazionale mensile in edicola

Milano, 27 lug – Benvenuti in Stazione Centrale a Milano, biglietto da visita del capoluogo lombardo per tutti coloro che vi mettono piede arrivandoci in treno o in autobus. Una città cosmopolita e accogliente, come testimoniato dai giardinetti che portano fino a Piazza della Repubblica, occupati da torme di stranieri che vi bivaccano svolgendo le consuete attività: spaccio, scippi, risse, stupri, accoltellamenti… Fate volare la fantasia. E nel suddetto bivacco, chi vuole provvedere alla propria igiene – ma non è obbligatorio, tra loro c’è chi vive benissimo senza – deve farlo en plain air. Come l’immigrato di origine africana immortalato nel video girato ieri e che sta circolando in queste ore sui social, in cui si vede il ragazzone – per fortuna le mutande non le ha tolte – che servendosi di un grosso secchio provvede a sciacquarsi copiosamente in un’aiuola del piazzale, il tutto davanti ai passanti.

Sull’episodio è intervenuta Silvia Sardone, eurodeputata e consigliere comunale della Lega a Milano: «La Stazione Centrale è sempre più nel degrado: tra bivacchi, spacciatori e ubriachi stranieri ciondolanti ora spuntano pure le docce improvvisate degli immigrati. Stamattina un immigrato in versione spiaggia, si lavava tranquillamente in Piazza Duca d’Aosta. Tra le aiuole altri stranieri che bivaccavano su teli e persino materassi». Dove è la riqualificazione promessa dall’amministrazione Sala? «Lo spettacolo è sempre più desolante. La Stazione Centrale è quotidianamente zona di spaccio, risse, aggressioni, rapine e purtroppo anche violenze sessuali. Il Comune di Milano, a guida Pd, nasconde questa situazione, parla di percezione quando, invece, degrado e insicurezza sono una costante quotidiana. È questa l’integrazione che vuole la sinistra? È questo il modello Milano di cui si vanta il Sindaco?».

Cristina Gauri

Vai sul sito de IlPrimatoNazionale

Articoli Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close