PrimatoNazionale

Stato di emergenza, sì del Senato alla proroga. Opposizione all’attacco: “Deriva liberticida”

Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 29 lug – Sì del Senato alla proroga dello stato di emergenza sanitaria fino al 15 ottobre. Così Giuseppe Conte si garantisce i poteri speciali e blinda la maggioranza sempre più traballante. Il premier incassa solo 157 sì – il grillino Crucioli vota contro in dissenso, così i due senatori del Misto (ex 5 Stelle) Martelli e Ciampolillo – 125 contrari e 3 astenuti. Oggi il voto alla Camera. La decisione di prorogare lo stato di emergenza – ha detto Conte in Aula – si deve al fatto che “il virus continua a circolare nel Paese“. Giustificazione smentita dai fatti – numeri alla mano, il virus è quasi scomparso – e considerata una scusa per l’opposizione, che ha votato compatta contro la proroga, dettata solo dalla necessità del governo giallofucsia di blindarsi e rimanere incollato alla poltrona. Inoltre il centrodestra ha presentato una risoluzione unitaria, a cui l’esecutivo ha dato in parte parere favorevole: passa la richiesta di coinvolgimento delle Regioni in caso di decisioni legate a un ritorno del coronavirus.

Meloni: “Dal premier grossolana menzogna”

Matteo Salvini e Giorgia Meloni parlano senza mezzi termini di “deriva liberticida”, Forza Italia accusa il governo di voler “imbavagliare” il Paese. “Sono scioccata. Conte sta sostenendo al Senato che, senza lo stato di emergenza, il governo non è in grado di fare normalissimi decreti, decreti legge, ordinanze. Questa è una grossolana menzogna e una pericolosissima deriva liberticida. Dove vuole arrivare il governo?”, afferma la leader di Fratelli d’Italia. “Che cosa diciamo al resto del mondo? Che cosa diciamo agli investitori che pensavano magari di voler tornare a investire in Italia? Diciamo che siamo il focolaio dell’Europa. In tutta l’Europa non c’è nessun altro Paese che ha prorogato lo stato di emergenza. La proroga serve al governo per occuparsi della salute dei ministri e del presidente del Consiglio non della salute dei cittadini…“, è l’accusa della Meloni.

Salvini: “Conte mente, governo in malafede”

Non si può prorogare lo stato di emergenza perché l’emergenza non c’è. Ma è stato obiettato: non possiamo comprare le mascherine e comprare i banchi delle scuole: se non fosse tragico sarebbe da ridere. Conclusione, ‘la dichiarazione di uno stato di emergenza in questa situazione è inopportuna e illegittima’. Firmato, Sabino Cassese, giudice emerito della Corte costituzionale, che penso di diritto ne sappia più di lei, non penso sia un sovranista o un negazionista. Lei presidente Conte ha impiegato 40 minuti a dimostrare l’indimostrabile, e che Cassese boccia con una riga. Lei sta mentendo all’Italia e agli italiani, sta dicendo bugie“, ha detto il leader della Lega in Aula al Senato. “Se tutti gli altri Paesi non prorogano l’emergenza o non hanno capito o voi siete in malafede” e per Salvini la risposta è semplice: “siete in malafede“.

Forza Italia: “Deriva pericolosa e intollerabile”

Per Forza Italia “le parole pronunciate da Conte sono gravissime. Ha descritto un mondo alla rovescia, in cui si può governare solo con misure eccezionali e dove il Parlamento che rivendica le regole democratiche viene accusato di procurato allarme”, è l’attacco di Anna Maria Bernini. “È una deriva pericolosa e intollerabile“, aggiunge.

Dal canto suo, il premier replica netto: “Vi sfido a interrogare i presidenti di Regione e confrontarvi con loro: vediamo se sono disponibili a dismettere queste misure di protezione”.

Adolfo Spezzaferro

Vai sul sito de IlPrimatoNazionale

Articoli Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button