PrimatoNazionale

Un nuovo maxi gasdotto nel futuro della Nigeria

Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 5 set – Uno dei paradossi della Nigeria è che, pur essendo un grande produttore di petrolio e gas, molti dei suoi abitanti non hanno accesso all’energia elettrica e ciò rallenta di parecchio la sua crescita economica.

Un gasdotto da quasi 3 miliardi per la Nigeria

Il governo nigeriano è ben consapevole che questo è un importante problema che va risolto al più presto. Per tale motivo ha dato il via alla costruzione di un gasdotto da 2,8 miliardi di dollari che trasporterà gas dai giacimenti che si trovano nel sud della Nigeria al nord e, lungo la sua rotta, fornirà energia a tante industrie che al momento ne sono prive.
Al momento la Nigeria produce 7mila megawatt di energia, troppo poco per una nazione da 200 milioni di abitanti. Il gasdotto, che collegherà Ajaokuta con Kadana e Kano, fornirà energia non solo per la produzione di elettricità ma anche per le industrie che trasformano questo gas in fertilizzanti e altri prodotti.
L’infrastruttura è parte di un progetto molto più ampio che prevede la costruzione di un ulteriore gasdotto di 614 chilometri e verrà supportato da banche cinesi e dalla China Export & Credit Insurance Corporation (Sinosure), che assicurera’ l’85% del valore dello stesso. Una volta portato a termine, permetterà di aggiungere 3600 megawatt alla rete elettrica nazionale. Oltre al finanziamento di Pechino, il resto del fabbisogno verrà fornito dalla Nigerian Gas Company, una sussidiaria della Nigerian National Petroleum Corporation.

Gas naturale e settore petrolchimico

Il governo punta molto su questo gasdotto non solo per fornire energia elettrica ma anche per favorire la creazione di un hub petrolchimico, prendendo esempio dalle nazioni mediorientali che utilizzano il petrolio per realizzare questo genere di prodotti.
I primi 200 chilometri del gasdotto costeranno 855 milioni di dollari e sarà finito in due anni, mentre la seconda – della lunghezza di 193 chilometri – comporterà un esborso pari a 1,2 miliardi di dollari. In futuro questo gasdotto raggiungerà il nordafrica e permettera’ l’esportazione di gas nigeriano anche in Europa.
Giuseppe De Santis

Vai sul sito de IlPrimatoNazionale

Articoli Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close