PrimatoNazionale

Berlusconi, Zangrillo è ottimista: “Reagisce bene alle cure”

Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 6 set – Il quadro clinico di Silvio Berlusconi, ricoverato al San Raffaele di Milano dopo aver contratto il coronavirus (che gli ha causato una polmonite bilaterale) è “regolare” e l’ex cavaliere sembra reagire bene alle cure. Ad affermarlo è il professor Alberto Zangrillo, medico di fiducia del leader di Forza Italia e primario dell’unità operativa di terapia intensiva generale e cardiovascolare del nosocomio milanese.

Berlusconi “reagisce bene alle cure”

Berlusconi si troverebbe comunque “in una fase delicata”, anche se il medico si ritiene “soddisfatto nella cautela rigorosa” e orientato verso un “cauto ottimismo”. Parliamo d’altra parte di un paziente non comune, e non per la notorietà del soggetto: l’ex premier, ultraottantenne, soffre già da qualche tempo di una live forma di scompenso cardiaco (per il quale era stato operato proprio al San Raffaele), oltre ad essere stato in passato un paziente oncologico.

Berlusconi – che è in stretto isolamento anche dai propri familiari ma, smentendo le indiscrezioni circolate, non è sottoposto ad ossigenoterapia (“mai stata necessaria”) anche se la carica virale sarebbe molto alta – sta affrontando una terapia a base di Remdesivir, il farmaco “sviluppato per combattere il virus Ebola, non è specifico per il nuovo coronavirus, ma funziona anche in questo caso, se utilizzato nelle fasi precoci”, ha spiegato nel corso di un’intervista al Corriere della Sera il professor Massimo Clementi, direttore del laboratorio di microbiologia e virologia sempre del San Raffaele. Da qui la necessità del ricovero, visto che il Remdesivir non può essere somministrato se non in regime di ospedalizzazione al fine di monitorare passo a passo l’eventuale insorgenza di effetti collaterali.

Il fatto di rispondere bene alle cure non vuol però dire cantare vittoria troppo presto dato che Berlusconi, per via della sua anamnesi recente e remota, “appartiene alla categoria definita più fragile”, ha concluso Zangrillo.

Nicola Mattei

Vai sul sito de IlPrimatoNazionale

Tags

Articoli Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close