PrimatoNazionale

Coronavirus, l’ideona di Piero Angela: “Esercito in strada per far mettere le mascherine”

Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 5 ott – Tutti noi siamo cresciuti con le trasmissioni di Piero Angela, per cui è un po’ a malincuore che gli si dà torto. Secondo il popolare divulgatore scientifico, infatti, chi esce senza mascherina è un ignorante untore e quindi per strada dovrebbe vigere uno stato di polizia per fermare il coronavirus. Fermo restando che a colpi di Dcpm la democrazia rappresentativa o quel che sembrava esserlo sono ormai mesi che non esiste più, ci manca solo un bel ritorno ai droni, al coprifuoco e alle pattuglie in strada per mettere un altro po’ gli italiani sotto il tallone di ferro.

“Esercito in campo contro gli untori”

“L’esercito in campo per far rispettare le norme di sicurezza sanitaria? Secondo me è utile. Questo è un virus mortale. Non si può dover chiedere ‘per favore, mettete le mascherine’. Quelli che non le usano sono degli untori, soprattutto se sono stati ben informati”, dice Angela alla presentazione della seconda edizione di Superquark+. Sulla piattaforma Raiplay Angela coordinerà cinque giovani divulgatori con viaggi “a tema”. “Brevi racconti di scienza” li definisce lui “con la serietà della conoscenza”. “Bisogna stare attenti alla pericolosità di questo virus. È necessaria la protezione, in particolare nelle scuole. Non c’è abbastanza pressione sul pubblico perché rispetti distanziamento e perché indossi la mascherina, in attesa del vaccino. Bisogna incentivare il rispetto delle regole”, dice ancora Angela, che aggiunge: “I giovani si sentono invulnerabili. C’è il rischio concreto che i ragazzi si comportino come degli untori, in particolare se sono asintomatici, che portano il virus in giro e rischiano di contagiare le persone più anziane. Questo va evitato”.

Fidarci degli esperti?

Nella prima serie della trasmissione che si è tenuta a maggio, Angela aveva dedicato una intera puntata (registrata da casa) per spiegare cosa era il Coronavirus, modalità di trasmissione ed effetti sull’organismo. Tutte cose sulle quali, in effetti, nei mesi si sono susseguite opinioni diverse e contrastanti, provenienti anche da cosiddetti esperti che avrebbero dovuto fare chiarezza. Gli stessi esperti che Angela stesso ci invitava a consultare per avere risposte. Quando la realtà è che, volutamente o no, per incapacità o per calcolo, in Italia sul coronavirus non ci stanno facendo capire un bel niente – ci manca solo l’intervento dell’esercito per Piero Ange.

Ilaria Paoletti

Vai sul sito de IlPrimatoNazionale

Articoli Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button