PrimatoNazionale

Coronavirus, Salvini sfida Conte: “Governatori Lega diranno no a nuove chiusure”

Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 5 ott – La Lega va all’attacco del governo giallofucsia sul fronte della proroga dello stato di emergenza e delle misure anti-coronavirus che a quanto pare saranno contenute nel prossimo Dpcm. “Non vedo la necessità di un rinnovo dello stato d’emergenza“, fa presente Matteo Salvini durante una conferenza stampa a Genova con il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, il sindaco Marco Bucci e il deputato della Lega Edoardo Rix. “Non ravviso la necessità di prorogare per altri mesi uno stato che si può applicare alla normativa vigente. Non è una scelta sanitaria: è una scelta politica“, punta il dito il leader della Lega.

“Governatori della Lega diranno no a nuove chiusure delle attività”

“Prudenza sì, mascherina sì, ma sono personalmente contrario alla chiusura di attività economiche”, commenta Salvini in merito alle possibili misure contenute nel nuovo Dpcm del premier Giuseppe Conte. “Se qualcuno proporrà la chiusura di bar, ristoranti, teatri e musei, i governatori della Lega diranno no. Un conto è la prudenza, però tornare indietro sarebbe segnale devastante”, fa presente il segretario leghista. Anche perché, numeri alla mano, l’aumento dei contagi non corrisponde a un’impennata dei ricoveri. Questo perché essere positivi al coronavirus non significa essere malati.

Toti: “Su mascherine serve buon senso”

Anche il governatore ligure esprime forte preoccupazione: “Non vorrei vedere la china di un lockdown strisciante. Abbiamo bisogno di ponderare in maniera proporzionale gli interventi: non possiamo permetterci interventi che riportino a far morire l’economia, se la pandemia non lo richiede”, avverte Toti. “Occorre quella proporzionalità che gli enti locali sanno gestire meglio del governo centrale – aggiunge il leader di Cambiamo! – Non vorrei vedere scene già vissute. Ogni esercizio di potere ai danni delle Regioni lo considererei illegittimo e improprio – evidenzia il governatore -. Stasera ne discuteremo con il governo, domani mattina forse in Parlamento: siamo arrivati un po’ lunghi sulla palla, ma saremo propositivi come sempre”. Poi Toti richiama il governo centrale: “Sull’uso mascherine vorrei un po’ di buon senso. Non farò le barricate: non ho timidezza a imporle dove servono, come dimostrano i provvedimenti per La Spezia e il centro storico di Genova. Non ci manca il coraggio per fare le cose, l’importante è farlo a ragion veduta”.

Adolfo Spezzaferro

Vai sul sito de IlPrimatoNazionale

Articoli Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button