PrimatoNazionale

Per Elly Schlein la legge sulla cittadinanza è superata: “Ora serve lo ius soli”

Il Primato Nazionale mensile in edicola

Bologna, 8 ott – “È indubbio che nelle modifiche ai decreti Salvini ci sia un miglioramento sostanziale delle condizioni materiali dei richiedenti asilo che facendo politica non mi può non interessare” dice Elly Schlein, la vice presidente della regione Emilia-Romagna secondo la quale, però, le “povere” Ong sarebbero ancora troppo criminalizzate – e serve subito lo ius soli.

Schlein: “Multe a Ong per salvare faccia 5 Stelle”

“Avevamo chiesto più coraggio” si lamenta la Schlein a La Stampa “alla fine è passato questo compromesso”. “La criminalizzazione delle Ong è più che altro concettuale e questo non va bene. Le multe sono molto ridimensionate e c’è l’esimente penale per chi si coordina con le autorità preposte” ma per la Schlein questo non basta. Sebbene infatti anche per sua stessa ammissione “le multe restino parecchio teoriche” per le Ong, restano lì a suo parere per “salvare la faccia di chi tra i 5 Stelle in passato aveva dichiarato guerra alle Ong e parlava di “taxi del mare”.

“Ora serve lo ius soli”

Per la Schlein, inoltre, la legge Bossi-Fini sull’immigrazione è una legge “criminogena”, perché di fatto impedirebbe l’ingresso anche legale dei migranti. La soluzione, per lei, ad esempio “un permesso di soggiorno temporaneo per ricerca di lavoro”. Per lei infatti bisognava tornare a ben prima dei decreti sicurezza di Salvini, quando per ottenere la cittadinanza bastavano due anni. Definisce gli impegni relativi alla regolarizzazione degli immigrati “prioritari”: “La legge sulla cittadinanza è del 1992 già superata dalla realtà del Paese: ora serve lo ius soli”.

Ilaria Paoletti

Vai sul sito de IlPrimatoNazionale

Articoli Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button