PrimatoNazionale

Ius soli, il ministro Lamorgese preme per introdurlo: “I tempi sono maturi”

Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 12 ott – “I tempi sono maturi” per la riforma della cittadinanza. Ergo, avanti tutta verso l’approvazione dello ius soli. Il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, in un’intervista concessa a Lavialibera, non ha usato mezzi termini per svelare il suo piano definendo il tema in questione addirittura “strategico” per il Paese. A pensar male si potrebbe definirlo tale per la sinistra a caccia di voti. In ogni caso, giusto per mostrare una relativa cautela a riguardo, il ministro ha specificato che la legge “deve maturare in Parlamento” e “necessita di un’ampia maggioranza”. Una puntualizzazione non proprio risibile, ma sta di fatto che Lamorgese dopo aver ottenuto la modifica dei decreti sicurezza voluti dall’ex titolare dell’Interno Matteo Salvini, adesso è intenzionata a prodigarsi per introdurre lo ius soli.

L’affondo del ministro

Il momento per i giallofucsia è d’altronde propizio per affondare il colpo, nella generale “distrazione” emergenziale. Così Lamorgese, nel quadro di un disastro demografico senza precedenti e alle prese con i flussi migratori fuori controllo, prova a dare il colpo di grazia all’Italia così come l’abbiamo conosciuta fino ad oggi. Il tutto giustificato così: “Per dare una risposta articolata ai tanti ragazzi e giovani, nati da genitori stranieri residenti stabilmente in Italia, che frequentano le nostre scuole e fanno parte integrante delle nostre comunità”, ha dichiarato il ministro dell’Interno. Insomma mentre i cittadini sono concentrati sull’emergenza coronavirus, il governo si sta adoperando per aprire la strada all’approvazione di una legge tanto impopolare quanto del tutto deleteria.

In pieno dramma economico

Una strada non priva di ostacoli, ma che in questa situazione può essere percorsa più facilmente. Nel frattempo però Lamorgese rivendica lo smantellamento dei decreti sicurezza, compiacendosi per il risultato ottenuto: “Abbiamo chiarito i casi in cui può essere concessa la protezione umanitaria, ampliato la convertibilità dei permessi di soggiorno per motivi di lavoro, reintrodotto la possibilità di avviare i richiedenti asilo a lavori di utilità sociale, ristabilito il diritto di iscrizione all’anagrafe per tutti i richiedenti protezione internazionale nonché accorciato i tempi per le risposte alle richieste di cittadinanza per naturalizzazione e matrimonio, passati da quattro a tre”, ha detto il ministro. Serie di diritti per gli immigrati nel bel mezzo di un dramma economico e sociale per l’Italia. Un capolavoro.

Alessandro Della Guglia

Vai sul sito de IlPrimatoNazionale

Articoli Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button