PrimatoNazionale

Cuffie true wireless cosa sono e quali scegliere

Il Primato Nazionale mensile in edicola

Sono davvero parecchi i produttori che hanno proposto sul mercato almeno un modello di cuffie wireless da accoppiare con i propri smartphone. Il settore è decisamente ricco e variegato: anche per questo motivo non è così facile individuare il modello giusto da comprare. Per esempio, serve a ben poco la funzionalità che garantisce la cancellazione del rumore nel caso in cui si abbia a che fare con cuffie wireless di qualità modesta. È necessario spendere un po’ di più per usufruire di una qualità audio ottimale, così da abbinare il codec audio aptX alla tecnologia ANC per la cancellazione del rumore.

La durata della batteria

Una delle peculiarità che devono essere prese in considerazione in vista di un acquisto è, ovviamente, l’autonomia garantita dalla batteria: nessuno vuole ritrovarsi alle prese con cuffie senza fili che devono essere ricaricate cinque volte al giorno. Per fortuna quasi tutti i modelli che sono stati lanciati negli ultimi tempi sono muniti di un case esterno grazie a cui gli auricolari possono essere ricaricati in maniera rapida e arrivano a un’autonomia non inferiore alle 8 ore. Per altro non tutte le modalità di ricarica sono uguali, e il consiglio è quello di propendere per i modelli muniti di ricarica veloce.

La semplicità di utilizzo

Le cuffie wireless fanno della semplicità di utilizzo una delle proprie caratteristiche peculiari, anche se va detto che i diversi modelli presentano tra di loro delle differenze più o meno significative. ci sono cuffie, per esempio, che sono dotate di una superficie touch grazie a cui è possibile passare da un brano all’altro con grande facilità, ma anche rispondere alle telefonate in entrata o regolare il volume. Meritano una particolare attenzione, poi, i modelli che consentono di ricorrere ai comandi vocali: è sufficiente impartire un ordine per avere la certezza che esso sia portato a termine in pochi secondi.

Quanto sono resistenti le cuffie wireless

Quasi tutte le cuffie true wireless rientrano nella classificazione IPX, che testimonia la loro capacità di resistere alla polvere e all’acqua. Le lettere IP sono l’acronimo dell’espressione in lingua inglese Ingress Protection. Questa sigla, poi, è seguita da un carattere che segnala la resistenza ai granelli di polvere e agli altri solidi e da un altro carattere che, invece, corrisponde alla resistenza all’acqua. Se si sceglie un modello di cuffie IPX4, IPX5 o IPX6 si ha a che fare con auricolari che non sono stati messi alla prova per la resistenza alla polvere ma sono resistenti sia al sudore che agli schizzi di acqua. Attenzione, però: questo non vuol dire che sia possibile immergerli in acqua, ma solo che riescono a resistere al sudore o alla pioggia. Insomma, non conviene adoperare questi auricolari in piscina. Diverso il discorso per i modelli IPX7 che, invece, resistono all’acqua fino a un metro.

La tecnologia ANC

Si è già fatto riferimento alla tecnologia ANC, che è quella che assicura la cancellazione attiva del rumore. Le cuffie che presentano questa funzionalità sono munite di microfoni integrati grazie a cui è possibile eliminare i suoni ambientali attraverso il monitoraggio del rumore che proviene dall’ambiente circostante. Si pensi, per esempio, a quando si è in metro o in aereo: cancellare i rumori che vengono da fuori è una grande comodità. Piuttosto costosi, gli auricolari senza fili dotati di questa tecnologia assicurano un funzionamento ottimale soprattutto nelle zone dove sono presenti parecchi ronzii a bassa frequenza.

Il codec aptX

Un altro aspetto da tenere a mente quando si scelgono le cuffie true wireless è il codice aptX, che rappresenta un aggiornamento al codec wireless Bluetooth di partenza con marchio Qualcomm. Il problema del Bluetooth di base è che abbassa la qualità audio: un inconveniente che non si registra, invece, nel caso del codec aptX, che si serve di algoritmi all’avanguardia per contenere la latenza e per evitare che la fedeltà audio venga alterata o compromessa. Il codec aptX funziona solo con Android ma non con Ios (in questo caso è previsto il codec CAA): questo vuol dire che lo si ritrova nelle cuffie wireless LG, di sicuro tra i modelli più performanti che si possano trovare sul mercato in questo momento grazie alla loro qualità.

Vai sul sito de IlPrimatoNazionale

Articoli Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button