DueRuote

Europa: il mercato soffre il Covid ma dà segni di ripresa

Europa: il mercato soffre il Covid ma dà segni di ripresa

Chiudi

Nonostante il lockdown, il comparto della moto ha un’ottima vitalità: nel primo semestre segna -17%. La Germania addirittura cresce

Tra gennaio e giugno 2020 le immatricolazioni di motocicli nei cinque maggiori mercati europei (ovvero Francia, Germania, Italia, Spagna e Regno Unito, pari all’80% del mercato motociclistico europeo) hanno raggiunto 413.200 unità. Questo volume di registrazioni rappresenta una diminuzione del 17% rispetto ai primi sei mesi del 2019. In Francia si sono venduti 91.093 motocicli (rispetto ai 110.060 nel 2019), in Germania 111.634 (105.980 un anno fa), in Italia 106.507 (138.956 nel 2019), in Spagna 62.268 (nel 2019 88.721).
 

RIPRESA
Le attuali tendenze di immatricolazione nel segmento motociclistico, tuttavia, possono essere considerate un miglioramento relativo rispetto ai primi quattro mesi dell’anno. In effetti, durante quel periodo le immatricolazioni di motociclette nei principali mercati europei erano diminuite in media del 32,7% a seguito della paralisi dell’attività commerciale seguita allo scoppio del Covid-19.
 

CICLOMOTORI 
Osservando il segmento dei ciclomotori, le immatricolazioni nei maggiori mercati europei (Belgio, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi e Spagna) durante i primi 6 mesi del 2020 hanno raggiunto un totale di 110.600 unità. Ciò rappresenta una diminuzione del 6,9% rispetto allo stesso periodo del 2019.
 

Europa: il mercato soffre il Covid ma dà segni di ripresa

Europa: il mercato soffre il Covid ma dà segni di ripresa

Europa: il mercato soffre il Covid ma dà segni di ripresa

Vai sul sito di DueRuote.it

Articoli Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button