DueRuote

Kawasaki Ninja ZX-6R: dalla pista alla strada

Kawasaki Ninja ZX-6R: dalla pista alla strada

Chiudi

Disponibile in due cilindrate, 636 e 599 cc, per l’omologazione nel campionato Supersport, la sportiva di Akashi è ancora oggi una moto per divertirsi davvero, anche lontano dai cordoli. Ecco i nostri consigli su cosa controllare se ne state cercando una usata

Il mondo delle supersportive di media cilindrata, un tempo regine indiscusse del mercato, ha subito un vero e proprio collasso a cavallo della crisi del 2008. Il crollo ha portato molti Costruttori a convolare i propri investimenti verso altre categorie di mezzi, più remunerativi. Kawasaki è stata, invece, una delle poche Case che ha continuato a investire in questo segmento, senza (quasi) mai fermare lo sviluppo della sua Ninja ZX-6R.

Codino sottile, muso acquattato e puntato sull’asfalto: la Ninja ZX-6R è ancora oggi bellissima. Nel 2013 costava cara (oltre 13.000 euro), ma la qualità era ed è altissima

Perché fu un successo
La prima vera rivoluzione è avvenuta sul finire del 2012, quando la Casa di Akashi ha presentato il modello che stiamo prendendo in esame, dotato di un moderno propulsore a quattro cilindri da 636 cc e capace di 131 cavalli. In verità la moto era disponibile anche con propulsore da 599 cc, la cubatura massima per l’omologazione nel Campionato Supersport. La 636 era destinata ad un pubblico sportivo che tuttavia, non disdegnava anche l’utilizzo stradale. Il propulsore si caratterizzava infatti per un’erogazione fluida e corposa anche a medi regimi, senza tuttavia intaccare l’allungo: la potenza massima dichiarata era disponibile a 13.500 giri. La dotazione elettronica era ai massimi livelli per il segmento di appartenenza: ABS, traction control regolabile su tre livelli di intervento e doppia mappatura per il motore, “Full” e “Low”.
La Ninja ZX-6R 636 ebbe un buon successo fra gli appassionati dall’indole più pistaiola e ancora oggi è relativamente facile trovare esemplari in buono stato. Se vi punge vaghezza di mettervi in garage una vera sportiva, in grado di regalare grandi soddisfazioni sia fra i cordoli che sulle strade di montagna, la media di Akashi potrebbe essere la risposta ai vostri pruriti.

Cosa controllare
Nel caso, attenzione alle moto che sono state maltrattate nell’utilizzo in pista. I campanelli di allarme possono essere molteplici, da carenature in vetroresina (oppure originali senza alcun segno di utilizzo), a segni di eventuali scivolate sulle parti esposte della ciclistica fino a componenti troppo usurati, come le pedane o la verniciatura del telaio all’altezza delle gambe. Era ed è pratica comune la sostituzione dei tubi freni in gomma con i più performanti componenti in treccia metallica, che sopperiscono la tendenza a gonfia e nell’uso in pista. Non è comunque un particolare che intacca il valore.
Diverso discorso vale per moto dotate di silenziatore aftermarket: quello di serie è poco attraente dal punto di vista estetico, ma svolge bene il suo compito e se la moto viene consegnata anche con il pezzo originale, è meglio. Le quotazioni variano a seconda delle condizioni, tuttavia vi consigliamo di orientarvi verso esemplari “freschi”.
In ogni caso, l’affidabilità della Ninja è esemplare, e su questa moto Kawasaki non ha mai effettuato alcun richiamo. Anche questo è un buon segno.

Carta d’identità

Marca e modello Kawasaki Ninja ZX-6R 636In vendita dal 2013 al 2016Esemplari venduti 405N° serie telaio JKBZX636EEA000000Richiami NessunoPrincipali colorazioni Verde, neroPiace a Amanti delle supersportive, pistaioli

Le quotazioni della Kawasaki Ninja ZX6-R
Anno
Quotazione
2012
6.200 euro
2013
6.600 euro
2014
7.100 euro
2015
7.600 euro
2016
8.300 euro

 

KawasakiNinja ZX-6 R

Motore

4 cilindri in linea trasversale

Raffreddamento

Liquido

Alesaggio corsa

66×43,79

Cilindrata (cc)

599

Distribuzione

2 assi a camme in testa

Alimentazione

Carburatore

Serbatoio (litri/riserva)

18 l

Frizione

In bagno d’olio

Telaio

Doppio trave

Materiale

Alluminio

Sospensione ant/regolazioni

Forcella telescopica

Sospensione post/regolazioni

Forcellone

Pneumatico ant/post

120/65-17″;180/55-17″

Freno anteriore

Doppio disco da 300 mm

Freno posteriore

Disco da 220 mm

Lunghezza

2.030 mm

Altezza sella

830 mm

Interasse

1.400 mm

Peso a secco

171 kg

Potenza max/giri

81,6 kW (110,9 CV) a 12500 giri

Coppia max/giri

65,5 Nm (6,6 kgm) a 10000 giri

Kawasaki Ninja ZX-6R: dalla pista alla strada

Kawasaki Ninja ZX-6R: dalla pista alla strada

Kawasaki Ninja ZX-6R: dalla pista alla strada

Kawasaki Ninja ZX-6R: dalla pista alla strada

Kawasaki Ninja ZX-6R: dalla pista alla strada

Kawasaki Ninja ZX-6R: dalla pista alla strada

Kawasaki Ninja ZX-6R: dalla pista alla strada

Kawasaki Ninja ZX-6R: dalla pista alla strada

Kawasaki Ninja ZX-6R: dalla pista alla strada

Kawasaki Ninja ZX-6R: dalla pista alla strada

Kawasaki Ninja ZX-6R: dalla pista alla strada

Vai sul sito di DueRuote.it

Articoli Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close