Moto.it

MXGP 2020: si riparte dal GP di Lettonia. News e Orari TV

L’attesa infinita si è finalmente evaporata. Sembra incredibile, ma sono letteralmente volati cinque mesi dall’inferno della nera sabbia di Valkenswaard ed ora, invece di essere a quattro prove dalla conclusione come prevedeva il calendario di inizio anno, ci si ritrova su quella di Kegums per disputare la 3ª tappa e tre gare in una settimana. Dovendo cercare di salvare team e campionato, FIM e Infront hanno infatti adottato una soluzione ottimale che permette di portare a termine più eventi nello stesso circuito salvaguardando costi, tempistiche e la salute del circus iridato.

Sul tracciato situato ad una cinquantina di chilometri dalla capitale Riga, i piloti del Mondiale correranno la domenica, il mercoledì e la domenica successiva, con il circuito che cambierà nel senso di marcia e con l’altra positiva novità che prevede di disputare prove e manche in giornata unica sul genere delle gare che si corrono oltreoceano. E ovviamente con i più rigorosi criteri di sicurezza per preservare il paddock dal corona virus, ad iniziare dall’uso continuo delle mascherine dal mantenimento delle distanze approrpriate.

La MXGP ritorna in pista dopo il fantastico testa a testa tra l’ufficiale Red Bull KTM Jeffrey Herlings e il campione in carica Tim Gajser, con l’olandese che in virtù di due primi e due secondi posti ha guadagnato la testa del campionato con 9 punti di vantaggio sullo sloveno della HRC. E sarà di nuovo battaglia, con il leader amante della sabbia che ha tutto il potenziale per salire sul gradino più alto del podio, e il suo inseguitore anche quest’anno in perfetta forma che vuole bissare la vittoria ottenuta la scorsa stagione sul circuito che ospita il Gran Premio della Lettonia.

E speriamo che sia della partita anche l’intramontabile Tony Cairoli, attualmente 3° in campionato a 15 lunghezze da Gajser e davanti a Clement Desalle, Gautier Paulin e Glenn Coldenhoff, che dovrà ricorrere alla sua forte tempra per dare un colpo di spugna alla brutta caduta che gli condizionò la restante parte della stagione 2019 causa la lussazione della spalla destra. Proprio come incredibilmente successe lo stesso GP a Jeffrey Herlings, protagonista di una banale scivolata nel corso del giro di ricognizione in cui si procurò la frattura di un piede dopo essere stato involontariamente tamponato da Arminas Jasikonis.

I pronostici prevedono scintille anche nella MX2, dove il capoclassifica francese Tom Vialle deve contenere gli attacchi del fiammingo Jago Geerts che lo insegue a soli cinque punti di distanza e che nella precedente edizione salì sul secondo gradino del podio; con la maggior parte dei “veterani” della 250 passati alla MXGP, ad iniziare dal campione in carica Jorge Prado, le posizioni retrostanti vedono in lizza molti nomi nuovi come l’australiano della Husqvarna Jed Beaton, il transalpino della Yamaha SM Action Maxime Renaux, la rivelazione austriaca Rene Hofer e il danese Mikkel Haarup che seguono nell’ordine il tandem al vertice del campionato. Occhi puntati anche sul pilota Husqvarna Maddii Racing Alberto Forato, portacolori azzurro della categoria assieme a Morgan Lesiardo e Joakin Furbetta.

La giornata di sabato è invece riservata all’Europeo, che in questa puntata propone la EMX250 comandata da Bastian Boegh Damm del team WZ Racing KTM e che vede in 3ª posizione Andrea Adamo ma che aspetta sul podio anche Mattia Guadagnini, oltre alla neonata classe EMXOpen la cui pattuglia azzurra è formata da Federico Tuani, Tomas Ragadini ed Eugenio Barbaglia.

Vai all’articolo su MOTO.it

Tags

Articoli Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Close