Moto.it

MotoGP 2020. GP di Francia a Le Mans: Vietti e Arbolino riaprono il mondiale Moto3

Celestino Vietti e Tony Arbolino riaprono il mondiale di Moto3 mettendo le loro ruote davanti a quelle di Albert Arenas e approfittando della giornata decisamente negativa del leader del mondiale, Ogura, e di McPhee. A condurre la classifica iridata, adesso, c’è Albert Arenas, ma i due italiani sono lì (20 punti Arbolino, 16 Vietti) e hanno dimostrato di poter seriamente ambire al mondiale. Per Vietti una gara di grande strategia, sempre in coda il gruppo con la consapevolezza di essere l’unico in pista con la gomma dura al posteriore. Una scelta che alla fine ha premiato il giovane pilota dello Sky Racing Team, capace di approfittare di un errore di Arbolino e mettersi in testa per gli ultimi due giri, fino ad accumulare un margine significativo e ad assicurarsi quel gap che è bastato per arrivare al traguardo. “Ma che ultimo giro hai fatto?” – ha detto un sorpreso Arbolino a Vietti sotto al podio e in questa domanda c’è, probabilmente, la sintesi perfetta di un GP di Francia che ha regalato grandi emozioni.

I primi veri sussulti della gara erano arrivati a 15 giri dal termine, quando Lopez ha centrato Romano Fenati eliminando in un solo colpo entrambe le moto del Max Racing Team e quando, poche curve più in là. Tatsuki Suzuki ha detto addio al sogno mondiale, stendendosi mentre era in pieno recupero. Mai veramente in gara, invece, il leader della classifica mondiale, Ogura, che nei primi giri non è riuscito a schiodarsi dalla 24esima posizione. Problemi con gli pneumatici, probabilmente, messi a dura prova dall’asfalto particolarmente freddo. A strappare, nei primissimi giri, ci aveva provato Masia, del Team Leopard, ma il gruppo non gli ha consentito di mettere margine e a dieci giri dal termine Albert Arenas ha preso il comando della gara, mantenendolo fino a quando la bagarre non si è fatta serratissima nelle ultime tornate.

 “Sono contento per questo terzo posto – ha detto lo spagnolo – Vietti e Arbolino sono stati perfetti e sarebbe stato inutile provare a prenderli, rischiando di autoeliminarmi. Sono primo nel mondiale e va bene così”. Un mondiale su cui, però, adesso sono ufficialmente protagonisti anche Arbolino e Vietti. “Avrei preferito arrivare primo – ha detto l’italiano dello Snipers Team, che è l’unico pilota sempre a punti in questa stagione – Si riapre il mondiale e andremo ad Aragon più carichi che mai, queste sono le mie ultime gare in Moto3 e voglio crederci fino in fondo”. Come Arbolino anche il primo attore di giornata, Celestino Vietti, che ha ribadito: “Abbiamo fatto un’ottima scelta per quanto riguarda le gomme e poi sono riuscito a mettere a punto la strategia migliore in gara, concludendo al meglio un fine settimana che invece era andato piuttosto male”.

Vai all’articolo su MOTO.it

Articoli Simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button